Grazie ad un osso sintetico realizzato con la stampa 3D un pilota di linea torna a volare alto

Holey nel percorso accelerazione di Generali e H-Farm con i suoi tutori ortopedici
Generali: con H-Farm lancia percorso accelerazione per 4 startup
14/12/2017
Sindrome del tunnel carpale: quali sono gli interventi?
10/04/2018

Grazie ad un osso sintetico realizzato con la stampa 3D un pilota di linea torna a volare alto

L’astragalo o talo, parte del gruppo di ossa che costituiscono il tarso del piede che trasmette l’intero peso del corpo a terra, è un grande osso della caviglia che si articola con la tibia e l’osso del tallone. È un osso piuttosto importante in termini di comfort mentre si cammina o si fanno altre attività, come ad esempio pilotare un aereo. Così quando un pilota di linea di 69 anni stava accusando un grave dolore nell’area, decise che era necessario trovare un modo per risolvere il problema in fretta.

La paziente si è rivolta alla Duke Health, uno dei migliori centri nello stato del North Carolina (USA), per trovare l’aiuto di un chirurgo ortopedico del piede il quale aveva anche una grande esperienza nella realizzazione di ossa sintetiche tramite la stampa 3D.

Dopo i primi controlli si è riscontrato che il pilota soffriva di una grave artrite alla caviglia, insieme a cisti ossee del tallo che erano così grandi da raggiungere l’articolazione sottotalare. Le opzioni di trattamento includevano la sostituzione totale della caviglia od una fusione per via chirurgia e, poiché la fusione avrebbe limitato la sua mobilità, avrebbe potenzialmente potuto decretare la fine della sua carriera come pilota. Tuttavia, a causa delle dimensioni delle cisti, la chirurgia sostitutiva era molto rischiosa.

Per avere qualche speranza di tornare su un aereo da pilota era quindi necessario a tutti i costi un intervento chirurgico sostitutivo. Dopo aver esaminato tutte le opzioni ed i rischi, il Dott. Parekh e la sua paziente hanno deciso di procedere con una sostituzione totale del talo, attraverso l’utilizzo di una replica ossea, totalmente fedele e stampata in 3D, la quale sarebbe stata combinata con un componente tibiale preso da una protesi per la sostituzione totale della caviglia.

Il Dott. Parekh, grazie alla sua esperienza in precedenti interventi che prevedevano l’utilizzo di ossa sintetiche, era sicuro che la procedura potesse non solo alleviare il dolore del suo paziente, ma anche preservare la sua gamma completa di movimento per il piede nelle articolazioni sottotalare e caviglia.

Come primo passo per valutare la profondità e le dimensioni delle cisti ossee del paziente, sono state eseguite numerose radiografie e scansioni MRI e per assicurarsi che potesse essere creato un osso stampabile in 3D, per una sostituzione totale dell’astragalo, è stata eseguita anche una scansione TAC in sezioni molto sottili per ottenere una visione altamente dettagliata dell’anatomia. Le immagini CAD sono state preparate sia per l’arto interessato che per quello non affetto, al fine di confrontare i due: un’immagine speculare della caviglia sana potrebbe essere utilizzata per correggere eventuali problemi sul modello 3D che il chirurgo avrebbe usato per stampare l’osso in 3D.

Utilizzando il modello 3D realizzato con le immagini CAD, il Dott. Parekh ha completato il progetto del nuovo talo, facendo attenzione che la parte superiore di esso si sposasse correttamente con la protesi per sostituzione totale della caviglia in polietilene.

Terminata la procedura, il paziente ha completato le normali procedure post-operatorie, come partecipare a quotidiane sedute di fisioterapia per aumentare la forza e l’equilibrio. La sostituzione totale dell’astragalo, completata con una replica ossea stampata in 3D, le ha permesso di continuare la sua carriera come pilota, e il Dr. Parekh si aspetta che in futuro non abbia problemi.

 

Scarica la brochure di Holey!

Lascia qui la tua mail e riceverai il nostro PDF

Il tuo nome

La tua email